Il Tartufo bianco Pregiato: eccellenza indiscussa dell’Autunno

 

Immagine correlata

 

Il Tuber magnatum Pico, nome latino del Tartufo Bianco Pregiato, al contrario di quanto pensiate, non è un tubero, come le patate, ma un fungo. Si, proprio così! Si tratta di un fungo esattamente come lo sono i   pregiati porcini ed i famosi champignon. A differenza di questi ultimi, però, il tartufo è una specie di fungo ipogeo: cresce cioè spontaneamente nel sottosuolo. Il Tartufo Bianco Pregiato, infatti, nasce e prospera in prossimità delle radici di alcune specie di piante come querce, pioppi, carpini, salici e tigli di cui non può fare a meno in quanto esse garantiscono l’apporto di zuccheri necessario per la sua crescita. A sua volta però il tartufo, per compensare, cede sali minerali ed acqua alla pianta. Con l’arrivo dell’autunno questo fungo così pregiato la fa da padrone tra gli invitanti prodotti di stagione; è proprio a partire dall’Autunno, infatti, che la ricerca del pregiato tartufo bianco entra nel vivo.  Si tratta di un prodotto molto amato della cucina italiana il quale ci viene invidiato da tutto il mondo.

 

La Regione in cui si produce più Tartufo? Il Molise

 

 

Al contrario di quanto si pensi, la maggior quantità di tartufo bianco (denominato Tuberum Magnatum Pico) si raccoglie nella nostra Regione: Il Molise. Una piccola regione ancora prevalentemente incontaminata e dalla ricchezza notevole. Basti  considerare infatti che, stando alle stime, il 50% dei tartufi bianchi italiani provengono proprio dai nostri boschi. Il Tartufo Bianco Pregiato, in Molise, è frequente soprattutto nelle vallate umide più interne situate ai piedi del Matese; la catena montuosa che attraversa tutta la regione, caratterizzata dalla presenza di un ambiente naturale ancora poco soggetto all’influenza antropica. Nelle aree tartufigene più asciutte del Molise, invece, si raccolgono abbondantemente Scorzone e Uncinato, anch’essi caratterizzati da profumi e sapori unici, ma di qualità inferiore rispetto al tartufo bianco pregiato da un punto di vista organolettico.

I Benefici nascosti del Tartufo

 

Risultati immagini per bruschette con tartufo bianco

 

Anche se il tartufo viene principalmente utilizzato per impreziosire e donare un tocco di classe ai piatti tipici della tradizione culinaria del Bel Paese, non tutti sanno che questo vegetale possiede una serie di proprietà benefiche che lo rendono ancora più interessante per la nostra salute e per l’organismo. A prescindere dalla varietà, questo fungo è caratterizzato da un’elevata presenza di antiossidanti che ci aiutano a combattere l’invecchiamento e a contrastare l’azione dannosa dei radicali liberi; inoltre è particolarmente dotato di proprietà elasticizzanti poiché è in grado di stimolare la produzione di collagene; in più favorisce la digestione.  A livello nutrizionale il tartufo è un’ottima fonte di proteine, sali minerali (come calcio, magnesio, potassio) e vitamine dei gruppi A, B e C.  Gioca inoltre un ruolo benefico a favore dell’apparato cardiovascolare essendo privo di colesterolo, motivo per cui può essere consumato anche da chi segue una dieta ipocalorica.

 

Quindi cosa aspettate a provare la Nostra  selezione di tartufi più pregiati?.

La nostra azienda Tesori del Matese, oltre ad offrirvi  tartufi freschi pregiati accuratamente selezionati, vi propone anche  un’ampia scelta di prodotti aromatizzati al tartufo capaci di farvi scoprire i sapori più preziosi del nostro territorio.